Invertebrati marini
da Cindy
in Blog
Visite: 1690
Quali sono i diversi gruppi di invertebrati marini?

Un invertebrato è un animale che non possiede o sviluppa uno scheletro. Per iniziare a parlare di invertebrati marini, dobbiamo sapere che possono essere suddivisi in 5 gruppi principali:

Cnidariani, che conta oltre 10'000 specie. Il loro corpo è costituito da 2 forme: un polipo e una medusa. Possono essere trovati principalmente in acque poco profonde, ma alcune specie sono anche in profondità. Preferiscono l'acqua tropicale e subtropicale anche se possiamo trovarne alcune in acqua fredda.
Sono carnivori (mangiano principalmente crostacei), nuotano con la propulsione a getto o strisciando o somersaulting. I più comuni: meduse, coralli, anemoni, gorgonie.

Porifera (spugne), che conta oltre 5'000 specie. Le spugne sono organismi molto semplici, senza braccia, gambe o organi interni. Sono cavi e hanno pori e canali. Esistono in tutti gli habitat marini e non si muovono durante la loro vita. Mangiano piccoli invertebrati.

Molluschi, che conta oltre 85'000 specie e rappresenta il 23% di tutti gli organismi marini. Hanno corpi morbidi e un mantello, alcuni di loro hanno anche un guscio. Possono essere trovati in ogni mare e a diverse profondità. La maggior parte di loro sono erbivori, ma alcuni di loro mangiano pesci. Si muovono strisciando, scavando o persino propulsione a getto con i loro tentacoli. I più comuni: lumache, lumache, polpi, calamari.

Echinodermata, che conta circa 7000 specie. Sono coperti da un endoscheletro calcareo o spine. Le loro appendici appaiono normalmente in multipli di cinque e talvolta in strati o righe. Vivono in tutti gli ambienti marini e possono crescere a qualsiasi profondità. Mangiano particelle disciolte e plancton che galleggia intorno a loro. Si muovono usando i piedi del tubo e alcuni di loro possono gattonare. La maggior parte di quelli comuni: cetriolo di mare, stelle marine.

Artropodi, che ha decine di migliaia di specie. Da quando sono apparsi si sono evoluti in diverse specie per essere in grado di sopravvivere. Hanno un esoscheletro che sostiene il loro corpo e alcuni di loro hanno uno scheletro all'esterno. Sono presenti in acqua fredda e calda. Mangiano alghe, detriti, particelle solide presenti sul fondo dell'oceano. I più comuni sono: granchi, gamberetti, aragoste, eremiti.

 

Leave your comments

Comments

  • No comments found